poliantea casuale

Rallentare non puoi?
Fermati allora

E lascia entrare dagli occhi
raggi e silenzi e gocce di miele
che ti fermeranno il nuotare

Galleggiare sarà come dire
dipingere grandi murales
sulle nuvole che al mare non vedi

Così senza di loro (anche lui)
troverai nuovi avventori
e compagni per lacrime dolci
e il sale sull’uovo e l’acqua

Rallentare non puoi?
Ricorda la vita del ragno
la musica sale e lui scende
parole di stampa e di voce
parole
(rallenta)
le senti?
ascoltale ferme nel prato
e sassi lucidi di pioggia
che è fredda ma parla

Lo vedi che vai?

.
tutto il poemetto è qui «

Annunci

Tag:


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: